Progetti in corso - Anzola Solidale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Progetti -> Progetti in corso

Progetto: Bomboniere Solidali

Realizziamo Bomboniere Solidali, contattaci per maggiori informazioni al nostro indirizzo e-mail anzolasolidale@libero.it

(clicca sulle immagini per ingrandirle)




1. MATADI BABUSONGO
2. AIUTO FAMIGLIARE

3. CASA DELL’ACCOGLIENZA

4. Progetto VENERDÌ e GAMS

5. Progetto VERDE


1. Progetto MATADI BABUSONGO
In più di 10 anni di attività abbiamo contribuito alla crescita e allo sviluppo del villaggio di Matadi Babusongo nella Repubblica democratica del Congo.
Abbiamo iniziato sensibilizzando il villaggio sull’importanza di una maggiore conoscenza della loro terra.
Abbiamo scelto di occuparci interamente dell’istruzione di 2 infermiere che direttamente dal villaggio si sono trasferite a Kinshasa per svolgere gli studi medici di infermiere.
Per tre anni abbiamo sopperito noi ad ogni loro mancanza e esigenza.
Ad oggi, una delle due infermiere lavora stabilmente al villaggio e si occupa direttamente dell’assistenza medica di bambini e adulti. L’altra continua a frequentare un corso di puericoltura a proprie spese e lavorando per mantenersi presso l’ospedale di Kinshasa.

In collaborazione con altre associazioni (Aiutare i bambini e gli Amici di Calderino) è sorto un edificio in muratura per dare la possibilità ai bambini di avere un locale scuola-refettorio.


Ogni trimestre ci occupiamo del mantenimento e della educazione scolastica di 60 bambini orfani del villaggio, trasmettendo un importo in denaro.
Grazie al nostro contributo economico, ognuno di questi bambini mantiene il suo diritto ad avere un’istruzione ed un pasto ogni giorno.
Abbiamo finanziato la costruzione di un pozzo in prossimità del villaggio.
Abbiamo acquistato una casa a Kananga, che viene attualmente utilizzata come luogo in cui la nostra referente, Rose Monique Ololo, soggiorna di frequente coi bambini che devono recarsi in ospedale per cure e interventi medici.
Questo permette ai bambini di avere un posto sicuro in cui stare mentre si trovano costretti ad affrontare la traumatica esperienza dell’ospedalizzazione.

2. SPORTELLO D’AIUTO FAMILIARE

Ogni settimana più di 60 famiglie anzolesi di tutte le nazionalità e culture, si recano presso la nostra sede per ritirare un pacco spesa ricco di generi alimentari di diverso tipo (frutta e verdura e, quando possibile, pasta, riso, biscotti, latte e farina). Attualmente le persone seguite sono più di 260.
Il reperimento di questi alimenti si concretizza grazie all’aiuto del Servizio Nuove Povertà, Progetto “ASP Naturalmente Solidale”, Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Poveri Vergognosi, che ogni martedì e giovedì ci permette di ritirare gratuitamente cassette di verdura e frutta. Oltre al sostegno di questa organizzazione, collaboriamo con la parrocchia di Anzola per il reperimento di pasta, farina,riso e biscotti. Questa tipologia di prodotti arriva saltuariamente a noi grazie alla parrocchia di Anzola, che condivide parte di questi prodotti con noi.

3. CASA ACCOGLIENZA

Abbiamo recentemente attivato con COOP ADRIATICA il progetto “Brutti ma buoni”. Le famiglie che si recano allo sportello d’aiuto attualmente non usufruiscono di questi prodotti, poiché la maggior parte di questi , visto il loro rapido deperimento, rimane di utilizzo esclusivo della Casa dell’accoglienza. Stiamo attivando un analogo progetto tramite la Coop di Anzola e destinato esclusivamente al nostro sportello di aiuto, che inizierà solo quando l’Amministrazione Comunale di Anzola ci consegnerà un locale più idoneo, già da tempo promesso. Spesso, grazie all’aiuto di aziende e donazioni private, abbiamo distribuito pannolini o un pacco spesa più ricco del solito. Con la “colletta alimentare” svolta prima di Natale poi, abbiamo raccolto altri generi alimentari che durante tutto il resto dell’anno non siamo in grado di distribuire.

4. PROGETTO VENERDÌ e GAMS

Il progetto VENERDÌ integra l’attiva dello Sportello di Aiuto Famigliare. Grazie ad una convenzione che siamo riusciti ad attivare, ogni venerdì recuperiamo dalla mensa di alcune scuole del quartiere Bolognina la frutta e il pane eccedente il loro consumo e che distribuiamo sempre il sabato insieme agli altri generi alimentari.
Grazie al recupero di pasti caldi presso la mensa GAMS, ogni giorno siamo in grado di permettere alla Casa dell’accoglienza di Anzola di dare un pasto caldo ai suoi ospiti fissi (26 persone) e a tutte le persone che giornalmente si recano lì per il pranzo (circa 10).


5. PROGETTO VERDE

In collaborazione col Comune abbiamo attivato il PROGETTO VERDE.

Perché la solidarietà e l’inclusione sociale nella comunità possano crescere ognuno deve fare la sua parte. Questo progetto coinvolge molti cittadini appartenenti alle famiglie che si recano allo sportello d’aiuto, che si impegnano a svolgere qualche piccolo lavoro per la comunità, manutenzione del verde pubblico, delle attrezzature di parchi e giardini, in cambio di un sostegno economico del Comune. Un intervento utile in tempi di crisi e di perdita del lavoro come quello che stiamo attraversando ma che vorremmo continuare anche quando le cose andranno meglio, convinti che tutti possiamo dare una mano a tenere in ordine il posto in cui viviamo.

INIZIATIVE SOCIALI, BANCHETTI, FIERE

Nel nostro piccolo, e grazie alle poche persone che fanno parte del gruppo dei volontari di Anzola Solidale, organizziamo iniziative di raccolta fondi, realizziamo bomboniere solidali, partecipiamo con attività e creatività a fiere ed eventi di raccolta fondi finalizzati all’aiuto delle persone in difficoltà.
I nostri impegni sono molteplici, ma mirati solo ed esclusivamente ad aiutare e supportare le persone in difficoltà.
Abbiamo la fortuna di ricevere donazioni saltuarie, ma non possiamo da soli sopperire a tutti i costi di mantenimento necessari per continuare a portare avanti le nostre iniziative e pertanto è gradito e importante l’aiuto di tutti.

Progetto: ACQUA – GOCCE DI VITA
Approvvigionamento idrico ai fini civili e irrigui nel villaggio di Babusongo.

Situazione attuale:
L’attingimento dell’acqua per uso potabile, igienico, ecc., è compiuto da bambini che, con un percorso di circa un’ora e mezza, raggiungono un torrentello ai margini di una palude dove è possibile prelevare acqua corrente, in buona parte drenata dalla palude stessa. Le donne si recano negli stessi luoghi per lavare gli abiti.
Ovviamente è un’acqua di superficie, fortemente infestata da parassiti ed è causa di gravi malattie.
All’interno della palude è presente una " risorgiva " di acqua di buona qualità, non utilizzata dal villaggio per i pericoli che vi esistono.
L’intervento che si propone è di prelevare questa acqua sia per uso potabile – civile, che per irrigare alberi da frutto e ortaggi (oggi inesistenti) al fine di arricchire una dieta dal punto di vista non solo della quantità, ma in particolare della qualità .
Infatti il cibo è costituito unicamente da polenta di manioca arricchita, a seconda della disponibilità del momento, di erbe varie, pesce secco o cacciagione.
Per visionare il Progetto di realizzazione di un impianto di sollevamento d’acqua da fiume per la distribuzione igienico-potabile al contesto abitativo e all’ospedale del villaggio rurale di Matadi Babusongo, clicca qui
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu